Breathwalking: quando i passi si fondono con il respiro

Basta entrare in un bosco, a volte, per sentirsi diversi, trasportati in una dimensione che trascende il pensiero, le preoccupazioni e ogni quotidiana abitudine.

Basta che la strada asfaltata cominci a fondersi con il sentiero appena battuto, che le case lascino posto agli alberi, che la polvere di asfalto diventi polvere di terra e tutto cambia.

Basta ascoltare il silenzio. All’inizio stordisce. Poi, a poco a poco,  i suoni prendono forma: gli uccelli che cantano, il fruscio delle foglie mosse, i ramoscelli spezzati sotto le scarpe. Le rane negli stagni, l’acqua danza nei torrenti. Come singoli strumenti fusi in un’orchestra riempiono  il cuore di silenzio e di pace.

Basta guardarsi intorno, e lasciarsi stupire come bambini, e come bambini lasciarsi andare e giocare, gli occhi vedono cose consuete, eppure mai viste prima.

Basta respirare. Nel bosco, l’aria è diversa, sembra frenata dagli alberi, ovattata e fresca allo stesso tempo. Gli odori sono più intensi. Qui, dove il mondo sembra lontano e così incredibilmente presente, ti ricordi di respirare, il tuo corpo te lo ricorda, hai fame di questa aria, chiedi che ti riempia i polmoni, la vuoi sentire. E’ quasi un istinto coordinare il respiro con i passi. 

Basta lasciarsi cadere morbidamente sulla terra per assorbirne l’energia.

Tutto diventa armonia

E’ un rituale di pulizia dell’anima. 

Rigenera, riequilibria, nutre, ritempra.

Sembra magia, e forse un po’ lo è.

breathwalking

Si chiama “breathwalking” e non è una semplice tecnica, o un esercizio aerobico. E’ prendere coscienza del mondo esterno e di noi.  E’ lavoro con il respiro, è mindfulness.  E’ counseling.  E’ tutto questo, e molto di più.

 

Dove: a Milano e a Cernusco sul Naviglio.

Contattami, lasciandomi se vuoi  la tua mail, se sei incuriosita/o e vuoi provare

Ti aspetto con gioia,

Elena

Breathwalking: quando i passi si fondono con il respiroultima modifica: 2019-05-22T19:20:35+02:00da enni-t
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *