Dove comincia il viaggio

E qui dunque inizia per davvero il viaggio alla ricerca della felicità.
Ok, ok, lo so: come metafora  ricerca della felicità =  viaggio non è un granché originale, ma tant’è: ogni percorso, ogni esplorazione, ogni ricerca in fondo lo è.
Mi viene del resto molto facile pensarlo, sarà perché, personalmente, viaggiare mi rende felice?

Un viaggio, dunque.
Che cosa ci spinge a viaggiare verso la felicità, spesso senza nemmeno frog-897418_640sapere di che cosa si tratta veramente, senza sapere dove questo viaggio ci porterà?

Può essere curiosità.
Il sale di ogni viaggio, l’ingrediente fondamentale di ogni ogni scoperta, una piccola scintilla che ci permette di aprire occhi, mente e cuore sul mondo.

Può essere fuga.
Quante volte ci sentiamo in gabbia, oppressi, troppo presi da pensieri, problemi, preoccupazioni, dolori e avremmo solo voglia di essere…altrove, non importa nemmeno dove, basta essere altrove…

Può anche essere noia.
La noia ci uccide, ma a volte ci salva. Se la sappiamo prendere come un campanello che ci spinge a uscire dalla nostra zona di confort e cercare nuove ispirazioni, nuove idee, a rinfrescare la nostra vita, le nostre abitudini, a respirare aria fresca e nuova.

Può essere disperazione.
Quando ci sembra di aver raggiunto il fondo e ci troviamo davanti a un bivio: lasciarci andare oppure metterci in viaggio.

Può essere insofferenza:  quando  siamo semplicemente stufi  di sentirci sempre un po’ tristi, demotivati, depressi, stanchi, senza energie..

Può essere irrequietezza.

Può essere la voglia di andare per il semplice gusto di muoversi.

Può essere il gusto della scoperta: la ricerca di nuove visuali, di nuovi orizzonti.

Può essere un mix di tutto questo e di altro ancora.
Non importa, anche se conoscere cli nostre motivazioni può essere un buon punto di partenza.

Ci avete mai pensato?
Che cosa vi spinge alla ricerca della felicità?
Provate a rispondere, di getto, senza pensarci troppo, magari scrivendo che cosa viene fuori.
Poi rileggete ciò che avete scritto: e se è emerso qualcosa di particolarmente significativo, se volete, scrivetelo nei commenti.

Parentesi (sono stata assente per un po’…)

Sì, sono stata assente per qualche mese, ed è stato un periodo importante.

Ho iniziato (ed ora concluso) un lungo tirocinio che mi ha portato, finalmente, a conquistare il diploma di counselor.

E’ stato un percorso che mi ha confermato che ciò che conta al mondo siamo noi, ognuno di noi! Tutti portiamo dentro un universo sconfinato e meraviglioso di emozioni, di turbamenti, di energia; tutti possediamo  un carico prezioso di risorse e di potenzialità che ci permetterebbero davvero di vivere una vita … felice, qualsiasi significato ognuno di noi dia a questa parola. Non sprechiamo tutto ciò, spolveriamo  ogni tanto la nostra vera identità, prendendocene cura, scoprendola, portandola alla luce, senza più tradirla.

Sono grata a ciascuna delle persone che ho incontrato, Ed ora sono pronta a riprendere con voi questo (in definitiva mai interrotto) viaggio alla ricerca della felicità.

Ma …vi siete mai chiesti che cosa sia, per voi, la felicità?

Felicità è non aver bisogno della felicità

Oggi, nella mia ricerca sulla felicità, mi sono imbattuta in una riflessione di Lucia Giovannini, ispirata a una celebre frase di Seneca:

Felicità è non aver bisogno della felicità

Scrive Lucia Giovannini che la felicità dipende solo da noi. Spesso la nostra infelicità dipende dalle nostre aspettative, non adatte a noi, ai nostri valori, spesso modellate sul confronto che facciamo con gli altri. Ma se basiamo la nostra felicità su quello che gli altri fanno o possiedono, il rischio, nemmeno troppo remoto, è quello di covare alla lunga se non invidia quanto meno insoddisfazione. In definitiva, la felicità non è bisogno di possesso.

Vero. Personalmente penso che Seneca vada un passo oltre, intendendo, per come la vedo,  che anche la ricerca stessa della felicità può ostacolarne il raggiungimento.

Smettiamo di voler essere felici ad ogni costo! Accogliamo invece le nostre emozioni, la nostra vita, per quello che sono: sono arrabbiata? Bene, ok, avrò i miei buoni motivi per esserlo. Che senso ha raccontarmi la favoletta che sono felice, perchè devo esserlo? Piuttosto posso avere fiducia: fiducia che la mia emozione, come è arrivata, passerà, E, piuttosto, non permettere che la mia rabbia (o infelicità o quant’altro) influenzi il mio comportamento, il mio essere.

Felicità è quindi, anche,  fiducia. 

Seneca

 

7 risposte 7 – i risultati del test

7 risposte 7…

Ecco qui, dopo la pausa natalizia, i risultati del test che vi ho proposto (che, ricordo, è tratto dal libro“ Quaderno di esercizi di allenamento alla felicità” di Yves-Alexandre Thalmann ed. Vallardi).

Pronti?

1) Chi vince alla lotteria grandi cifre (diciamo oltre al milione di euro, tanto per dare un’idea di grandezza) diventa stabilmente felice.

Falso. Ce lo siamo sentiti ripetere molte volte, che il denaro non fa la felicità, eppure s C’è una spiegazione razionale alla base di tutto questo. Eppure è proprio vero, con la precisazione però, che devono essere comunque soddisfatti i bisobills-496229__340gni primari, dalla casa al cibo ecc.. Alcuni test hanno comunque verificato che dopo un anno dalla vincita si crea una sorta di assuefazione alla ricchezza, per cui i vantaggi di termini di felicità si annullano (ammetto: mi piacerebbe provare: mi offro volontaria per un eventuale test!).

2) La felicità è più una questione di serenità d’animo che di momenti di gioia.
Vero e Falso. Sono entrambi parti importanti della felicità.

3) Le persone religiose sono tendenzialmente più felici rispetto a persone non credenti.
Vero. La fede aiuta a essere felici.. Ci si sente meno soli nell’universo, appoggiati, sicuri. A patto, aggiungo io, che sia sincera, profonda e autenticamente spirituale. Non credo alla “fede” basata sul bigotto seguire regole imposte, sul sacrificio a tutti i costi, sull’appiattimento morale. Men che meno penso che essere integralisti e fondamentalisti (di qualsiasi credo) possa rendere felici. Insomma: fede, sì, religione… dipende, bieco conformismo: alla lunga no.

4) Il livello di felicità che possiamo raggiungere è geneticamente determinato (quindi, si nasce più o meno felici)
Udite udite: Vero (è interessante: mi ha incuriosito e ne parlerò approfondendo in un altro post). Ma è vero anche che si può lavorare, incrementandolo, sul nostro livello di felicità.

5) La bellezza rende felici.
Falso. E’ stato studiato che persone che si sono sottoposte a interventi di chirurgia estetica non necessariamente diventano più felici (anche qui: mi offro volontaria per un eventuale esperimento…). Secondo me, però, la domanda è stata posta in modo sbagliato, perchébeauty-1260975_640 se è vero che la bellezza fisica non rende necessariamente felici, è vero invece che la bellezza può renderci felici: pensiamo alla natura, a un tramonto, a un quadro, a una musica…cose che, personalmente, mi riappacificano con il mondo e con la vita nei momenti no.

6) Le persone sposate sono più felici dei single.
Vero. Chi vive una relazione soddisfacente ha più chance di essere felice rispetto a un siingle. Mia personale considerazione: dipende….. a volte vale veramente il detto meglio soli che male accompagnati…

7) Si può decidere di diventare più felici.
Vero. Assolutamente vero:  la nostra felicità, nonostante i limiti genetici di cui sopra e le avversità della vita dipende al 40% dai nostri sforzi. quindi, coraggio e avanti tutta!