13 Novembre: Giornata mondiale della Gentilezza

Il 13 novembre si celebra la giornata mondiale della gentilezza.

E gentilezza e felicità vanno di pari passo.

Vi è mai capitato, infatti, di sentirvi improvvisamente felici per un gesto di gentilezza, magari inaspettato? A me sì, molto spesso. E quindi, ricambiate, ricambiate a piene mani e di gusto, non solo oggi, ma ogni giorno. Spesso un semplice gesto, un grazie, un sorriso, fanno la differenza.

C’è una frase famosa che circola già da un po’, ma che mi piace molto e che vi riporto volentieri:

“Praticate atti di gentilezza a casaccio e atti di bellezza privi di senso”            (Anne Herbert)

E’ un po’ l’essenza della gentilezza: Non c’è bisogno che ci sia un senso, un motivo, tanto meno un tornaconto per essere gentili. Dispensare gentilezza a casaccio ogni volta che riusciamo, sarebbe una rivoluzione. E dunque, cerchiamo di essere gentili  con gli altri, gentili con la natura,  gentili con noi stessi!

michelangelo-71282_1280

 

Perché la gentilezza rassicura, riscalda, unisce.

La gentilezza celebra:  le relazioni, la natura, la vita.

 

Cercare o smettere di cercare?

Mi scrive una lettrice (che ringrazio per avermi contattato: e sì, è un invito a scrivermi i vostri pareri e le vostre impressioni!) contestandomi l’idea che la felicità vada cercata: per lei la felicità è qualcosa che arriva, specialmente quando non la si aspetta.  Non dipende da noi. Quindi, paradossalmente, meno la cerchiamo e più felicità arriva.

Vero. E falso allo stesso tempo.

E’ vero che accanirsi non porta la felicità, anzi, se diventa un’ossessione l’idea di essere felici porta all’esatto opposto, come tutte le volte che ci attacchiamo troppo a un’idea rischiamo di perderne di vista la sua stessa essenza. Del resto persino Buddha ci ricorda che non esiste una vita priva di sofferenze…e se lo dice lui…

Però possiamo scegliere, almeno nella maggior parte dei casi, sicuramente quando dipende da noi, quanto meno di non essere infelici: e non è poco.

Per tornare al viaggio: diciamo che  il viaggio alla ricerca della felicità non può essere…  una crociera, che per quanto bellissima, se vista come ricerca continua e ossessiva del divertimento, alla lunga stancherebbe e forse annoierebbe persino.

Piuttosto,  la ricerca della felicità è come una passeggiata in montagna: sentieri nel bosco che rasserenano, radure in cui correre a perdifiato, erba da annusare, fiumi da attraversare, sassi e fiori… Discese, ma anche salite, scivolate, ostacoli. Si cade e ci si rialza. Ci si stanca e a volte si riposa (e si mangia cioccolato per ritemprarsi!) … per arrivare alla fine e sentirsi in cima al mondo, circondati dal cielo!

man-2706901_1280

Eh, sì.

La felicità è quel senso (intimo e infinito) di far parte del tutto.

Basta poco….

In fondo, non è successo niente.

E’ solo capitato, come talvolta accade a chiunque, di essermi alzata “con il piede sbagliato”: troppi pensieri per la testa, un po’ di preoccupazione, qualche problema da risolvere,  la lista delle cose da fare che incombeva come un macigno… e, per questo, un peso sullo stomaco e la mente chiusa a riccio sui miei guai.

Poi ho guardafullsizeoutput_df0to fuori dalla finestra, e ho visto una calda luce autunnale illuminare l’ultima fioritura dell’anno, accendendola di un rosso tenue. E ciò che ho visto mi è sembrata così invitante, così dolce, così bello che mi sono resa conto che con il mio stato d’animo negativo, semplicemente, rischiavo di perdere questa piacevolezza inaspettata.

Allora ho fatto pochi, piccoli esercizi per aprire il respiro, e ho respirato a fondo: tre, cinque respiri profondi e pieni e la prospettiva è cambiata.

Intendiamoci: i pensieri, i problemi, la lista delle cose da fare sono ancora lì che mi aspettano.
Ma hanno perso gran parte del loro potere.

Perché mi sono accorta di un piccolo raggio d luce e, accogliendolo, ho lasciato il sole entrare nella mia mattina.

 

 

 

 

 

p.s. e la giornata mi ha regalato poi momenti bellissimi… e pochi problemi 🙂

Un nuovo traguardo

Oggi voglio  condividere con voi un altro traguardo raggiunto quest’anno: ieri ho superato l’esame e sono diventata Maestra di Reiki.
Ma che cos’è reiki?316px-Reiki-old-style.svg

Il nome REiKI evoca l’unione tra l’energia universale (REI) e quella individuale (CHI): c’è chi vede la sua applicazione pratica come una tecnica, per me è piuttosto un’arte: l’arte di vivere in modo pieno, consapevole e coerente;  l’arte di riequilibrare l’energia che scorre in tutti i noi.
L’ideogramma reiki rappresenta proprio questo: l’energia universale  scende verso la terra e viene raccolta dagli uomini che si rendono disponibili ad accoglierla e a diffonderla, per risalire poi in un moto fluido e continuo verso il cielo, lasciando in dono un piccolo chicco di riso, nutrimento per la nostra crescita personale.
Reiki è prima di tutto uno stile di vita, basato su 5 precetti:

Solo per oggi

non ti arrabbiare

non ti preoccupare

Lavora diligentemente

Onora i tuoi genitori

Sii grato

Spesso in un trattamento reiki si può sperimentare lo scorrere dell’energia e un grande senso di rilassamento.

Proprio per questa sua prerogativa di portare benessere e vitalità, REIKI è considerato un metodo di guarigione alternativo, riconosciuto e praticato anche in alcuni ospedali, nel mondo e in Italia.

Il suo fondatore, Usui, un monaco giapponese vissuto tra il 1800 e i primi anni del ‘900, ha definito REIKI come:

“L’arte di invitare la felicità, la medicina spirituale per tutte le malattie”

Ci sta, no? in quest’ottica il mio diploma diventa un altro passo di questo lungo viaggio verso la felicità.

 

Felicità è non aver bisogno della felicità

Oggi, nella mia ricerca sulla felicità, mi sono imbattuta in una riflessione di Lucia Giovannini, ispirata a una celebre frase di Seneca:

Felicità è non aver bisogno della felicità

Scrive Lucia Giovannini che la felicità dipende solo da noi. Spesso la nostra infelicità dipende dalle nostre aspettative, non adatte a noi, ai nostri valori, spesso modellate sul confronto che facciamo con gli altri. Ma se basiamo la nostra felicità su quello che gli altri fanno o possiedono, il rischio, nemmeno troppo remoto, è quello di covare alla lunga se non invidia quanto meno insoddisfazione. In definitiva, la felicità non è bisogno di possesso.

Vero. Personalmente penso che Seneca vada un passo oltre, intendendo, per come la vedo,  che anche la ricerca stessa della felicità può ostacolarne il raggiungimento.

Smettiamo di voler essere felici ad ogni costo! Accogliamo invece le nostre emozioni, la nostra vita, per quello che sono: sono arrabbiata? Bene, ok, avrò i miei buoni motivi per esserlo. Che senso ha raccontarmi la favoletta che sono felice, perchè devo esserlo? Piuttosto posso avere fiducia: fiducia che la mia emozione, come è arrivata, passerà, E, piuttosto, non permettere che la mia rabbia (o infelicità o quant’altro) influenzi il mio comportamento, il mio essere.

Felicità è quindi, anche,  fiducia. 

Seneca

 

Capita a volte una giornata così

Capita a volte, una giornata così,
in cui non ha senso cercare la felicità.

Capita a volte una giornata così,
in cui realizzi che ci sono cose che non cambieranno mai.

quando qualcuno ti getta addosso il suo disprezzo
(la sua invidia, la sua in-sofferenza)
e stavolta non riesci a schivarlo.

Capita a volte una giornata così,
in cui qualcuno è lontano
e lo vorresti vicino
e la distanza, oggi, fa male

E capita, in giornate così
che un ricordo rinasca
in una canzone ascoltata per caso.

E capita a volte, sì, capita, una giornata così.

In cui il senso della felicità è nascosto
nella malinconia che ti assale,
come un maglione che ti avvolge,
troppo caldo in un giorno d’estate.

come il vento che rincorri,
troppo freddo a gennaio.

fullsizeoutput_cc3

 

 

7 risposte 7 – i risultati del test

7 risposte 7…

Ecco qui, dopo la pausa natalizia, i risultati del test che vi ho proposto (che, ricordo, è tratto dal libro“ Quaderno di esercizi di allenamento alla felicità” di Yves-Alexandre Thalmann ed. Vallardi).

Pronti?

1) Chi vince alla lotteria grandi cifre (diciamo oltre al milione di euro, tanto per dare un’idea di grandezza) diventa stabilmente felice.

Falso. Ce lo siamo sentiti ripetere molte volte, che il denaro non fa la felicità, eppure s C’è una spiegazione razionale alla base di tutto questo. Eppure è proprio vero, con la precisazione però, che devono essere comunque soddisfatti i bisobills-496229__340gni primari, dalla casa al cibo ecc.. Alcuni test hanno comunque verificato che dopo un anno dalla vincita si crea una sorta di assuefazione alla ricchezza, per cui i vantaggi di termini di felicità si annullano (ammetto: mi piacerebbe provare: mi offro volontaria per un eventuale test!).

2) La felicità è più una questione di serenità d’animo che di momenti di gioia.
Vero e Falso. Sono entrambi parti importanti della felicità.

3) Le persone religiose sono tendenzialmente più felici rispetto a persone non credenti.
Vero. La fede aiuta a essere felici.. Ci si sente meno soli nell’universo, appoggiati, sicuri. A patto, aggiungo io, che sia sincera, profonda e autenticamente spirituale. Non credo alla “fede” basata sul bigotto seguire regole imposte, sul sacrificio a tutti i costi, sull’appiattimento morale. Men che meno penso che essere integralisti e fondamentalisti (di qualsiasi credo) possa rendere felici. Insomma: fede, sì, religione… dipende, bieco conformismo: alla lunga no.

4) Il livello di felicità che possiamo raggiungere è geneticamente determinato (quindi, si nasce più o meno felici)
Udite udite: Vero (è interessante: mi ha incuriosito e ne parlerò approfondendo in un altro post). Ma è vero anche che si può lavorare, incrementandolo, sul nostro livello di felicità.

5) La bellezza rende felici.
Falso. E’ stato studiato che persone che si sono sottoposte a interventi di chirurgia estetica non necessariamente diventano più felici (anche qui: mi offro volontaria per un eventuale esperimento…). Secondo me, però, la domanda è stata posta in modo sbagliato, perchébeauty-1260975_640 se è vero che la bellezza fisica non rende necessariamente felici, è vero invece che la bellezza può renderci felici: pensiamo alla natura, a un tramonto, a un quadro, a una musica…cose che, personalmente, mi riappacificano con il mondo e con la vita nei momenti no.

6) Le persone sposate sono più felici dei single.
Vero. Chi vive una relazione soddisfacente ha più chance di essere felice rispetto a un siingle. Mia personale considerazione: dipende….. a volte vale veramente il detto meglio soli che male accompagnati…

7) Si può decidere di diventare più felici.
Vero. Assolutamente vero:  la nostra felicità, nonostante i limiti genetici di cui sopra e le avversità della vita dipende al 40% dai nostri sforzi. quindi, coraggio e avanti tutta!

Buon Natale!

Spero che sia per tutti un Natale sereno, fatto di quelle piccole tradizioni che magari ora ci stanno anche un po’ strette, ma in cui si nascondono ancora  piccoli gesti di calore e di tenerezza, che ci riportano un pochino indietro nel tempo.

Quando, da bambini, credevamo che Babbo Natale (o Gesù Bambino, o Santa Lucia o chi per esso) esistesse davvero e che potesse davvero esaudire i nostri desideri

Per scoprire, magari, che ora non si tratta più di “giocattoli”, ma, prima di tutto, di stare bene con noi stessi, di poter stare con le persone che amiamo, in un mondo migliore.

Auguri a tutti di Buon Natale!

christmas-1872808_960_720

 

7 domande 7 sulla felicità

Domanda da un milione di dollari: che cosa ci rende felici?

Nella mia ricerca sul senso della felicità, mi sono imbattuta in un piccolo libro dove ho trovato qualche spunto interessante, anche se non esaustivo (del resto ciò è impossibile!).

Il libro si intitola “Quaderno di esercizi di allenamento alla felicità” di Yves-Alexandre Thalmann ed. Vallardi. Non credo che svolgere gli esercizi proposti dal libro renda automaticamente  felici, di sicuro conduce a riflettere sul concetto di felicità, diverso da ciò che a volte pensiamo. E soprattutto, ciò che mi piace è che spinge all’azione.

Possiamo  avere, infatti,  le idee perfettamente chiare su ciò che ci può rendere felici, migliorare il nostro benessere, farci stare bene… ma se al pensiero non corrisponde anche l’azione è del tutto inutile. Ben venga dunque l’approccio molto pratico di questo libro.

Mi ha incuriosito un test proposto dall’autore. Mi sembra un buon inizio anche per questo blog, visto che serve a testare le conoscenze che si hanno in generale sulla felicità. Con risultati a
volte sorprendenti.

Vi propongo quindi le domaquestion-mark-358177__340nde, sono più che altro affermazioni, a cui rispondere “vero” o “falso”. Leggete, rispondete e tenete nota, se volete scrivete le vostre risposte nei commenti. Nei prossimi giorni analizzeremo insieme le risposte …. e riporterò non solo lerisposte dell’autore, ma anche le mie personali considerazioni.

 

Ecco le domande/affermazioni:. E dunque: vero o falso?
1) Chi vince alla lotteria grandi cifre (diciamo oltre al milione di euro, tanto per dare un’idea di grandezza) diventa stabilmente felice.
2)  La felicità è più una questione di serenità d’animo che di momenti di gioia.
3)  Le persone religiose sono tendenzialmente più felici rispetto a persone non credenti.
4)  Il livello di felicità che possiamo raggiungere è geneticamente determinato (quindi, si nasce più o meno felici)
5) La bellezza rende felici.
6) Le persone sposate sono più felici dei single.
7) Si può decidere di diventare più felici.

Le risposte nei prossimi giorni!

Per Aleppo

La felicità è prima di tutto agire.

Aleppo.light-1010895_960_720

Afelicità.
Di fronte alle immagini che arrivano oggi da Aleppo è veramente difficile parlare di felicità.
Impossibile.
Mi viene in mente, oggi, il simbolo del Tao: ombra e luce che si abbracciano, e nel bianco c’è il seme del nero e nel nero il seme del bianco. Questo per dire che è comunque importante la ricerca della felicità, anche nei momenti più neri.

Non esisterebbe la felicità se non ci fosse anche il suo opposto: ma quanto è difficile.

E felicità è anche pace.
Cercare la propria pace (profonda, vera, autentica) non è più un optional: è un dovere.
Perché la pace è contagiosa tanto quanto la guerra e molto, molto, molto più auspicabile.

Perché anche i bambini di Aleppo hanno diritto alla propria felicità, e quello che possiamo fare, ognuno di noi, è, per quanto possiamo, cercare di costruirla, passo dopo passo, giorno dopo giorno.

Sento il peso, oggi, dell’impotenza.
Possibile che non possiamo fare niente? Che dobbiamo restare ancora una volta fermi ad aspettare che i potenti del mondo smettano di giocare a Risiko con le vite di anziani, uomini, donne e bambini?

Quando smetteremo di pensare che possiamo vincere solo se gli altri perdono e vengono sconfitti, sterminati, distrutti?