Per Aleppo

La felicità è prima di tutto agire.

Aleppo.light-1010895_960_720

Afelicità.
Di fronte alle immagini che arrivano oggi da Aleppo è veramente difficile parlare di felicità.
Impossibile.
Mi viene in mente, oggi, il simbolo del Tao: ombra e luce che si abbracciano, e nel bianco c’è il seme del nero e nel nero il seme del bianco. Questo per dire che è comunque importante la ricerca della felicità, anche nei momenti più neri.

Non esisterebbe la felicità se non ci fosse anche il suo opposto: ma quanto è difficile.

E felicità è anche pace.
Cercare la propria pace (profonda, vera, autentica) non è più un optional: è un dovere.
Perché la pace è contagiosa tanto quanto la guerra e molto, molto, molto più auspicabile.

Perché anche i bambini di Aleppo hanno diritto alla propria felicità, e quello che possiamo fare, ognuno di noi, è, per quanto possiamo, cercare di costruirla, passo dopo passo, giorno dopo giorno.

Sento il peso, oggi, dell’impotenza.
Possibile che non possiamo fare niente? Che dobbiamo restare ancora una volta fermi ad aspettare che i potenti del mondo smettano di giocare a Risiko con le vite di anziani, uomini, donne e bambini?

Quando smetteremo di pensare che possiamo vincere solo se gli altri perdono e vengono sconfitti, sterminati, distrutti?

Per Aleppoultima modifica: 2016-12-15T17:30:26+00:00da enni-t
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Per Aleppo

  1. Ogni giorno seguo le notizie che giungono da Aleppo,voglio sperare che ci sia ancora speranza per una pace possibile prima di Natale senz’altro sarebbe il più bello dei regali.
    Tanti auguri a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*